Basta con questi ingiustificati disservizi idrici!

Basta disservizi idrici!

Da alcune settimane i cittadini di Apice stanno riscontrando anomalie nella erogazione idrica in alcune fasce orarie del giorno, con conseguenti disagi enormi.

E’ incredibile che in periodi con giornate lunghe, con così tanto caldo, l’Alto Calore sospenda l’erogazione dell’acqua.

Ancora di più è incredibile questa vicenda se poi l’erogazione viene sospesa nelle prime ore della sera fino alle sette del mattino.

Con giornate lunghe come quelle estive non avere l’acqua per così tante ore significa creare un disagio enorme ai lavoratori ed alle famiglie. Purtroppo non tutte le famiglie apicesi sono dotate di autoclave con la conseguenza che queste si ritrovano senza preavviso senza acqua.

In un paese civile queste cose non devono succedere ed una amministrazione attenta alle esigenze dei cittadini dovrebbe impegnarsi ad evitare queste situazioni incresciose.

Apice è uno dei paesi con la rete idrica a maggiore dispersione di acqua, ma soprattutto ha un territorio molto vasto.

Non si può tollerare che alcune zone di Apice rimangano completamente abbandonate.

 

Chiediamo all’Amministrazione di intervenire e di alzare la voce nei confronti dell’Alto Calore.

A ciò si aggiunge anche la beffa: negli ultimi mesi molti cittadini stanno ricevendo bollette salatissime per consumi mai effettuati e messe in mora da parte degli avvocati dell’Alto Calore.

Una amministrazione che non ha mosso nemmeno un dito per difendere i cittadini da queste bollette super salate che sono arrivate da un anno a questa parte. Consumi anomali, bollette salatissime, servizi scadenti ed assenza di acqua.

Questa situazione non è più tollerabile.

Si intervenga immediatamente con un atto di diffida formale nei confronti dell’Alto Calore.

E’ ora di smetterla con questi disservizi e con queste vessazioni a danno dei cittadini che vengono compiuti nel silenzio più totale della nostra Amministrazione Comunale.

 

Consiglieri Comunali di Opposizione

Un'Altra Storia- PD




Scrivi commento

Commenti: 0